Newsletter :

Newsletter in lingua italiana:

 

Se desideri ricevere la newsletter in francese, visita il sito in lingua francese.

 

Inviare a un amico

Scrivi parecchi indirizzi su linee diverse o separati da virgole.
Roma Festival Barocco
(Il tuo nome) ti ha inviato una pagina del sito Institut français - Centre Saint-Louis
(Il tuo nome) vorrebbe condividere questa pagina con te:
 

Sabato 23/02

L'ultimo sabato di ogni mese, la mediateca sarà aperta no-stop dalle 10 alle 20
Alle ore 16, ritroviamo l'eroina bretone
Bécassine per un cinemerenda
Non dimenticate alle 19.30, la proiezione in versione originale del film
Seuls, inedito in Italia

   

Musica

Domenica 4 Dicembre - 21:00
 
Chiesa San Luigi dei Francesi, piazza San Luigi de' Francesi

Roma Festival Barocco

 

Quando i protagonisti sono i più grandi musicisti tra Sei e Settecento a Roma, le vicende della vita diventano inevitabilmente "sfide" artistiche. Le diversità nelle scuole diventano la vera ricchezza della musica romana nei primi anni del Settecento, seguita e apprezzata collettivamente, e con importanti committenze: A. Scarlatti, maestro di cappella a Santa Maria Maggiore (1707), Arcangelo Corelli al servizio del cardinale Ottoboni (muore nel 1713), Domenico Scarlatti della Regina Casimira di Polonia (1708), G. F. Haendel della famiglia Ruspoli (1707-1709). ‘La varietà di esperienze e l’ineluttabile diversità dei singoli’ determina così in poco tempo la multiforme ricchezza della ‘scuola italiana’, che in poco tempo raggiunge molti paesi europei, stimolando nuove forme e diversi stili compositivi.

LE SONATE RITROVATE DI CARLO MANNELLI, programma eseguito da Il Sogno Barocco con Paolo PERRONE, violino di concerto, permette all’ascoltatore di entrare in questo mondo musicale e di “sentirne” in qualche modo quel senso profondo che ha messo in moto una grande trasformazione storica ed artistica.

PROGRAMMA
Arcangelo Corelli: Triosonata op. 3 n. 2 in Re maggiore
Alessandro Scarlatti: Sonata IX in La minore per flauto, a due violini e basso continuo
Domenico Scarlatti : Sonata per violino e basso continuo K81 in Mi minore
Georg Friederich Händel: Sinfonia in Si bemolle maggiore HWV 339 per due violini e basso continuo (circa 1708)
Arcangelo Corelli: Sonata op. 5 n. 3 in Do Maggiore per violino e basso continuo
Carlo Mannelli: Triosonata op. 2 n. 3 “La Stamegna”, in Re maggiore (Roma, 4 novembre 1640 – Roma, 6 gennaio 1697)
Georg Friederich Händel: Triosonata op. 2 n. 2 HWV 387 in Sol minore

IL CONCERTO
Quando i protagonisti sono i più grandi musicisti tra Sei e Settecento a Roma, le vicende della vita diventano inevitabilmente ‘sfide’ artistiche; aneddoti e piccole invenzioni, come nel caso di Charles Burney (1726 – 1814), permettono di comprendere il vero spirito del tempo. Anche la famosa vicenda sulla presunta incapacità esecutiva di Corelli, chiamato a Napoli nel 1702 per magnificare una esecuzione scarlattiana (Burney), è senz’altro frutto di invenzione, ma ci fa capire il diverso orientamento stilistico della scuola napoletana (Scarlatti) e di quella romana (Corelli). Anche la ‘sfida’ romana tra il giovane ‘sassone’ G. F. Haendel e il palermitano Domenico Scarlatti, nipote di Alessandro, sul cembalo in casa del cardinale Ottoboni, è un divertente aneddoto che evidenzia la diversa formazione, tedesca del primo e italiana del secondo.

Queste diversità diventano la vera ricchezza della musica romana nei primi anni del Settecento, seguita e apprezzata collettivamente, e con importanti committenze: A. Scarlatti, maestro di cappella a Santa Maria Maggiore (1707), Arcangelo Corelli al servizio del cardinale Ottoboni (muore nel 1713), Domenico Scarlatti della Regina Casimira di Polonia (1708), G. F. Haendel della famiglia Ruspoli (1707-1709). ‘La varietà di esperienze e l’ineluttabile diversità dei singoli’ determina così in poco tempo la multiforme ricchezza della ‘scuola italiana’, che in poco tempo raggiunge molti paesi europei, stimolando nuove forme e diversi stili compositivi. Il programma odierno permette all’ascoltatore di entrare in questo mondo musicale e di “sentirne” in qualche modo quel senso profondo che ha messo in moto una grande trasformazione storica ed artistica.

L'ENSEMBLE IL SOGNO BAROCCO
Paolo Perrone - violino barocco
Gabriele Politi - violino barocco
Rebecca Ferri - violoncello barocco e flauto barocco
Salvatore Carchiolo - organo e cembalo
Francesco Tomasi - tiorba

L'Institut français -Centre Saint-Louis sostiene anche quest'anno la IX ° edizione del Roma Festival Barocco (21/11 al 22/12/16) che propone concerti e incontri su circa un mese.

Roma Festival Barocco prosegue l’opera di valorizzazione e divulgazione del prezioso patrimonio musicale romano insita nei suoi stessi principi ispiratori, attraverso l’attività di ricerca, recupero ed esecuzioni dal vivo di inediti e preziosità musicali, che vengono presentati al pubblico nei prestigiosi luoghi della Roma barocca: chiese e/o palazzi che videro le prime esecuzioni, spazi architetto-nici al centro della vita musicale nella Roma 600esca, ancora oggi perfettamente conservati nella loro originaria bellezza.

Info e programma del festival: www.romafestivalbarocco.it

   
 
         
 

Block mini diaporama

 

Seguici su:

  Facebook Flickr Dailymotion