Newsletter :

Newsletter in lingua italiana:

 

Se desideri ricevere la newsletter in francese, visita il sito in lingua francese.

 

Inviare a un amico

Scrivi parecchi indirizzi su linee diverse o separati da virgole.
EVGENIJ POLYAKOV, maestro generoso e indimenticabile
(Il tuo nome) ti ha inviato una pagina del sito Institut français - Centre Saint-Louis
(Il tuo nome) vorrebbe condividere questa pagina con te:
   

Incontro

Lunedì 29 Maggio - ore 18:30
 
Auditorium, largo Toniolo 22

incontro in italiano

EVGENIJ POLYAKOV, maestro generoso e indimenticabile

 

EVGENIJ POLYAKOV (1943-1996) è stato un danzatore, coreografo e maître de ballet russo naturalizzato francese. Tra il 1977 e il 1978, è coreografo principale della compagnia “Viva la Danza” di Roma, di Maria Grazia Garofoli, per approdare a Firenze. Questo primo incontro romano è stato organizzato dall’Associazione “Evgenij Polyakov”, ideato da Enrica Pontesilli, Silvia Brioschi e Annalena Aranguren, dal titolo “Evgenij Polyakov, Maestro generoso e indimenticabile”.
E' stato il musicologo Luca Berni, direttore della programmazione di Rete Toscana Classica, ad accompagnare e presentare i diversi momenti della serata e le numerose personalità della danza, del teatro e della critica che sono intervenute per ricordare il grande Maestro Polyakov.

Testimone privilegiata dell’attività di Polyakov è stata Elisabetta Terabust, étoile internazionale ed ex Direttrice, fra l’altro, del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma, del MaggioDanza e del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala, per uno sguardo ravvicinato, amichevole e personale sul Maestro in Italia, dal Teatro La Fenice di Venezia al Teatro alla Scala.
Come ai tempi della loro lunga collaborazione al Maggio Musicale Fiorentino, il pianista Francesco Novelli ha ricordato Polyakov con due esecuzioni musicali, in duo con la giovane e talentuosa violoncellista Giulia Novelli.
Antonella Boni, prima ballerina del Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma, ha ricordato il lavoro svolto da Polyakov nelle sue importanti esperienze coreografiche romane.
Direttamente dagli Stati Uniti, dove dirige da più di vent’anni una fra le “Top Ten” compagnie americane, il Tulsa Ballet, Marcello Angelini ha raccontato dell’importante segno umano e artistico lasciatogli dal Maestro: un’eredità messa costantemente in pratica anche nel suo odierno ruolo di Direttore Artistico, dopo essersi formato e aver danzato sotto la guida di Polyakov.
Era presente anche il Maestro Piero Rocchetti, formatosi fin dall’inizio dei suoi studi con Polyakov e poi per molti anni danzatore di Maurice Béjart.
Uno sguardo critico sull’arte di Polyakov coreografo è stato proposto da Alberto Testa, danzatore, coreografo, giornalista e decano della critica della danza italiana.

Sono state proiettate video di alcune importanti coreografie di Polyakov e di alcune parti del toccante film-documentario Génia Polyakov, Maître de Ballet, Chorégraphe, biopic realizzato nel 2004 dal pittore e regista franco-russo Vladimir Kara, grande amico del Maestro.

Collateralmente all’incontro, si poteva anche ammirare l’esposizione di dipinti dedicati alla Danza di Vladimir Kara HOMMAGES A GENIA ed erano disponibili copie numerate del libro altre coreografie - ed. Novalis, nato da un progetto del Maestro Polyakov in una felice collaborazione con il fotografo Stefano Stagni.

 

 

 

 

 

   
 
         
 

Block mini diaporama

 

Seguici su:

  Facebook Flickr Twitter Dailymotion RSS